Ktima Kazaviti – Beta/βῆτα Amphora 2018

Synonyma

Alcol: 13,5%

Cosa ci fa un Tedesco all’isola di Thassos? Riporta in vita vitigni dimenticati e altri sconosciuti, si prende cura della terra e delle piante usando la zappa e l’aratro, non usa nessun tipo di “diavoleria” in vigna e in cantina per “aggiustare” e vinifica in anfore antiche rinvenute su questa terra. Si tratta dell’enologo e scienziato Alexander Heer che trova in questa isola un tesoro da salvare, da salvaguardare e cercare di riportare la fama dell’isola per i suoi vini agli antichi fasti, quando Thassos, insieme a Chios, producevano il migliore vino della Grecia.

Synonyma è un vitigno sconosciuto, una varietà a bacca bianca di cui non sappiamo nulla, ed è il nostro protagonista insieme alle anfore antiche di Kazaviti e le mani di Alexander Heer.

Vista offuscata o primitiva autenticità? Genuina bellezza, disinvolta e sincera, che ha bisogno di respirare profondamente prima di esprimere gratitudine per la sua riscoperta. Vena ossidativa sottile che si ramifica offrendo sentori di pesca gialla, pompelmo e bucce d’arancia, seguiti a distanza dai gelsomini e le violette, il pepe bianco e la terra, i capperi e le olive. Il sorbetto di pesca al palato, l’amaro del pompelmo, la verdezza del cappero e la mineralità dell’argilla, vengono orchestrati da un’acidità media e da un sorso molto particolare. Originale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.