Fonterenza – Biancospino 2015

il

Trebbiano in prevalenza, Malvasia – 13,3%


Due passi nel bosco che portano dritto nella vigna; di fronte l’Amiata, ormai spenta da milleni. Il sole mattutino e il vento marino sul viso tirano gli angoli della bocca disegnando un sorriso. Le scarpe sporche di terra, il grappolo di Trebbiano pieno zeppo di vita nella mano. Nasce qui Biancospino, ora come allora, macerando le bucce e regalando calore e vivacità, prontezza e maturità. Acuto e slanciato come un buon distillato, passa dagli agrumi ai fiori gialli, fino alla genziana, il malto e lo zenzero. Saporito, pungente e solido, alterna severità e gentilezza come i contadini di una volta. Bontà e rispetto.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. 65luna ha detto:

    Dalle parti di Montalcino, giusto? Comunque cin/cin Ioannis! 65Luna

    1. Vite di Vino ha detto:

      Giustissimo. Buon anno Luna!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...