Escoda-Sanahuja – Brutal 2015

Garnacha Blanca (100%) – 12%

Brutal! Strepitoso! Raggiante! Emana luce, emana vita. Succo di agrumi citrini e ginestre, erbe mediterranee e calcare. La sua complessità e la sua eleganza vengono espresse con una semplicità disarmante in un sorso diretto, veloce, goloso e godibile. Struttura, freschezza e finezza sono le sue armi; poche mosse (sorsi) e siamo in trappola. Mi arrendo!

Microbio Wines – Rack 2015

Verdejo (100%) – 13%

La strada lastricata di granelli di zucchero

Il passo lieve

Fila lo zucchero

Avvolta nel manto bianco
crisalide, spicco il volo

Mi poso sui fiori bianchi

Riposo sui fili d’erba fresca

Mi arrampico sul rosmarino

Vedo oltre la siepe

E torno crisalide
in attesa di un nuovo volo

 

Agnese


Colano dense le gocce dorate lungo le dita. Un’ape ronza intorno al plasma della vite, zucchero nutriente e sali minerali, acqua e ossigeno per la vita. La sabbia si impregna, fertile e gravida del nettare; partorisce fiori eleganti, erbe aromatiche e resine antiche covate da tempo immemorabile. La terra “brucia” sotto un sole cocente, l’erba diventa fieno ed estate; solo un sorso fresco può rinfrancarla, un sorso talmente fresco che diventa “pizzicante”, che la conforta e la rende lieve, un sorso che “punge come un’ape e vola come una farfalla”.

Partida Creus – CV Cart Ver 2015

Cartoixà Vermell (100%) – 10%

E’ fresca l’aria del mattino

Porta con sé i profumi della terra
e dei fiori

sbocciati di notte
per vedere sorgere il sole

Il cielo si prepara
stende il tappeto rosso

Tutte le variazioni esistenti
del colore più bello
per Lui

E Lui spunta

Divino

Passeggia sul red carpet
come la più luminosa delle star

Splende su tutto il creato
in un tripudio di profumi e natura

La vite sorniona sorride
perché solo lei sa
come trasformare il sole
in liquido divino.

 

Agnese


L’abbandonato e dimenticato Xarel.lo rosso (o Cartoixà Vermell) resuscita nel corpo di un vino bianco. Viene accolto e festeggiato da una pioggia di petali di fiori bianchi e rosa, fieno bagnato e terra battuta, pompelmo rosa, piccoli frutti rossi acerbi e spezie. Come una carezza mattutina su un graffio, solletica e rinfresca, pizzica e lenisce. Fatato.

Loxarel – A Pèl 2015

Xarel.lo (100%) – 12,5%

La grande pietra è liscia
un po’ in pendenza

Una volta saliti
il calore invita a stendersi

Pietra salvifica
riscalda la colonna vertebrale

L’occhio scruta il cielo

La kundalini si sveglia

Il serpente si arrotola

Vertebra dopo vertebra sale
Si snoda in un turbinio di verità

E da lì in poi non si può più parlare

Sopra il cielo e sotto la pietra

Di fronte l’oblio

 

 

Agnese


Xarel.lo, l’orgoglio di Penedès, in un’interpretazione emozionante; sasso levigato scaldato dal sole catalano, lievito e cera, mela e pera, arancia amara, salvia e menta, magnolia appena sbocciata, zucchero caramellato e noci. Una carbonica scoppiettante lascia spazio ad un sorso complesso ed espressivo, concentrato e rinfrescante, dal tannino rotondo e strutturato, e alla presenza di una punta di ossidazione meravigliosa. Fragrante con personalità.

Naranjuez – Baco Pérez 2014

Vigiriega, Sauvignon Blanc, Doradilla, Perruna – 12,5%

Sulle rive del fiume Alhama, a quasi 1000 metri sulla Sierra Nevada, ci sono meraviglie ben nascoste, come Perruna e Doradilla, e ci sono “pompieri” come Antonio Vilchez che spengono il “fuoco”, inarrestabile e distruttivo, dell’industria. Le uve, a contatto con la pelle della natura e del vignaiolo, si trasformano in mosto in fermentazione, oro opaco di eccellente qualità carico di terra andalusa e radici, frutta gialla e fiori collinari, resine e agrumi citrini. Salmastro nettare, dalla stellare acidità e dal carattere granitico, forte ed equilibrato, conscio della sua unicità e noncurante della massa diffidente. Urlo vincente di un concorrente silenzioso.