Le Coste di Gradoli – Pizzicante 2016

Sangiovese, Ciliegiolo, Merlot – 11%

Geyser di terra antica

Frizzante e giovane

Dal sottosuolo
arriva in superficie Kore
dal semestre invernale
con il suo sposo Ade

Tornano i fiori nei prati

Garofanini multicolori

Radici di china
fanno arrivare il profumo dell’universo

Demetra festeggia il ritorno della figlia

La primavera entra nel bicchiere
e dal bicchiere nell’anima

Dioniso trasforma in dio
il fortunato che brinda inconsapevole

 

Agnese

 

Matassa – Romanissa Casot 2015

Grenache Gris in prevalenza, Carignan Noir, Macabeu – 12% 

Il tempo corre
Il tempo vola
Il tempo rallenta
Il tempo..

Come una rete per farfalle

Corro nel prato
e acchiappo il tempo

Piccoli frammenti
catturati nel mio bicchiere

 

Agnese


Stratificato; come le rocce che compongono il terreno dov’è nato, come il tempo che passa, giorno dopo giorno, secolo dopo secolo, come i suoi profumi inebrianti. Piccoli frutti rossi ricamati su un tessuto minerale, pioggia di garofanini e incenso alla rosa a seguire. Fragrante, delicato, elegante. Il gioco “dolce-salato” riesce alla perfezione, inserito in un contesto freschissimo e minerale. Finissimo il sorso, lungo, profondo e, nello stesso tempo, leggero come una farfalla, una farfalla coloratissima.

Terroir al Límit – Vi de la Vila de Torroja 2015

Garnacha Tinta, Cariñena – 13,5%

Il bosco

I boschi

Tutti diversi
Ognuno con le proprie sfumature
Di luce
di profumi
di colori

Ogni pianta parla
Ogni foglia sul terreno racconta
Ogni animale si palesa
in un nettare caleidoscopico
che gira nel bicchiere
e porta con sé
sfumature sempre nuove

Bosco basso
Arbusti
Terreno secco
Humus antico
Animali veloci
Profumi mediterranei
Rocce improvvise
Sole che trapassa gli arbusti

Il terreno cotto dà il meglio di sé
insieme alle piccole bacche rosse
mature

Il profumo del mare confonde le idee
Il passo è lento
E tutto torna

Siamo nel sud della Spagna
Eppure io bevo il mio calice a Bologna

 

Agnese


Terra secca, lastre di pietra turchina scaldate dal sole e phrygana. Mediterraneo, rustico, forte e concentrato, accarezzato da venti marini raffinati e rimarcato da frutti rossi e neri, erbe balsamiche e olive nere, spezie arrostite e fiori selvatici. Luce accecante, espressività modulata, lentezza godereccia. Profonda sintonia tra freschezza, salinità, mineralità e frutto. Garnacha Tinta e Cariñena danno l’anima per questo nettare, in un legame indissolubile con il territorio del Priorat. Fiero e lunghissimo il finale, astringente e amarognolo tanto quanto dolce e rotondo. Carnale.

Domaine Fouassier – Iconoclaste 2013

Pinot Noir (100%) – 12,5%

Scorrono rivoli di vino rosso sulla calce, incontrano petali di rosa, ciliegie e lamponi, come in un quadro di arte contemporanea, dove si fondono realismo, espressionismo ed astrazione. Il calice-tela, dove si intrecciano i fili della trama, viene colorato di un rosso passionale, portatore di vibrazioni vitali e vigorose. Brioso e croccante, trascina i “malcapitati” in una beva compulsiva, rompendo il monolite dell’omologazione. Un vero iconoclasta.

Vino del Poggio – Navel 2012

Barbera (50%), Bonarda (50%) – 13,5%

La scarpa in soffitta

E’ logora
polverosa

Nella suola c’è più di un buco

Quanti chilometri

Strade sterrate
Prati
Viottoli

I pedali dentati della bicicletta

Chilometri camminati uno per uno

Suole sprofondate nella neve

Poi nella terra
Poi nell’erba

Sempre le stesse

Compagne di emozioni
Compagne di dolori
Compagne di libertà

Le bombe esplodono lontano

Era il 1944

 

Agnese


Davanti a un bicchiere di rosso emiliano scorre la vita. Profumi che diventano ricordi, ricordi che diventano emozioni; risate, pianti, difficoltà, sogni. Argilla polverosa, radici amare e frutti rossi, spezie intriganti e folate verdi, solvente sciogli memoria e oro rosso dolce. Una leggera amarezza nei ricordi, una vivace ripresa della vita, un perfetto equilibrio raggiunto col tempo. Scorre veloce la vita, scorre veloce il vino.