Les 9 Caves a Banyuls-sur-Mer

Progetto molto interessante quello di otto produttori che lavorano in biologico e uno in biodinamica (Vinyer de la Ruca) e che condividono lo stesso tetto, precedentemente sede della cantina cooperativa locale e ora ristrutturato e pregno di vita e iniziative culturali; insieme a loro un bistrot-enoteca e un B&B. Uno dei fondatori del progetto e…

Viatge a Catalunya – Mas Candí

2006, Les Gunyoles d’Avinyonet. Quattro giovani agricoltori e amici, Ramón Jané, Toni Carbó, Ramón Galimany e Mercè Cuscó, cominciano a lavorare i vigneti dei propri nonni, recuperando le vecchie varietà autoctone catalane e impegnandosi a trovare l’espressione naturale di ogni uva. Macabeo, Xarel·lo, Parellada, Garnatxa, Malvasia de Sitges, Torbat, Mandó, Monica, Sumoll, Roigenc i vitigni…

Viatge a Catalunya – Partida Creus di Antonella e Massimo

Antonella Gerosa e Massimo Marchiori, architetti piemontesi, decidono di cambiare radicalmente la loro vita nel 2007 (vivono dal 2000 in Spagna), spostandosi a Bonastre, nel Basso Penedès. Il desiderio di una vita più “lenta” li spinge a stabilirsi in una zona del Massís de Bonastre, montagne basse che si interpongono fra le pianure dell’Alt Camp…

Viatge a Catalunya – Costador di Joan Franquet Ruiz

Conca de Barberà. Qui, Joan Franquet coltiva i suoi vigneti (una buona parte proprietà della famiglia di sua moglie) usando pratiche biologiche e biodinamiche. Le viti hanno un’età che va dai 60 ai 110 anni e si trovano su un terreno prevalentemente argillo-calcareo, fra i 400 e gli 800 metri sul livello del mare; questo significa…

Viatge a Catalunya – Sicus Terrers Mediterranis di Eduard Piè Palomar

Bonastre. 10 ettari di vigne e un giovane vignaiolo/enologo pieno di energia e capacità, Eduard Piè. Un progetto, Sicus, rispettoso nei confronti dell’ambiente e orientato ad accompagnare la natura a regalarci la sua migliore espressione. Un territorio felice con le colline del Massiccio di Bonastre che abbracciano i vigneti e il mare vicino che li…

Viatge a Catalunya – Porcellànic*Lo stravagante e magico Ton Rimbau

Tutto cominciò diversi anni fa quando Ton, lavorando nella sua vigna, si è sentito improvvisamente disorientato; non sapeva dove fosse, colpito dall’effetto tossico dei prodotti chimici usati. La sua immediata decisione è stata quella di non usare mai più prodotti di sintesi nelle sue vigne. Ora sono dieci anni che non fa trattamenti chimici, affidandosi…

Viatge a Catalunya – Apoikia*Vinyes de Mahalta

Tον άντρα, Mούσα, τον πολύτροπο να μου ανιστορήσεις, που βρέθηκε ως τα πέρατα του κόσμου να γυρνά, αφού της Tροίας πάτησε το κάστρο το ιερό. Γνώρισε πολιτείες πολλές, έμαθε πολλών ανθρώπων τις βουλές, κι έζησε, καταμεσής στο πέλαγος, πάθη πολλά που τον σημάδεψαν, σηκώνοντας το βάρος για τη δική του τη ζωή και των συντρόφων…

l’ACINO vini

  “Lì, sulla Piana di Sibari, tra lo Jonio e il Tirreno, tra il Pollino e la Sila, c’è una terra: rossa ed argillosa, ricca di nutrimento e con un microclima mediterraneo, storicamente ideale per le vigne. Su quella terra, la storia sedimenta e viene assorbita dalle radici, arricchendo di contrasti i nostri vini.” Greco…

In visita da Lino Maga

La prima vendemmia a 6 anni; le sue radici sono le radici della Croatina, dell’Uva Rara, dell’Ughetta, arrampicate sulle colline di Barbacarlo e di Montebuono, e sono ben ancorate su quella terra. Parliamo di Lino Maga. Poche parole, affilate e sussurrate, lunghi silenzi e riflessioni, occhi intelligenti che scrutano oltre le apparenze. Persona(ggio) consistente e spontanea(o), lo si…

Nikos Afianès e l’isola di Ikarìa

l nome dell’isola deriva dal celebre mito di Icaro che, secondo la leggenda, qui precipitò in volo dopo essersi avvicinato troppo al sole, nel tentativo di fuggire da Creta. L’isola era conosciuta dagli antichi anche col nome di Doliche. Oltre ad essere una delle più belle isole della Grecia, è conosciuta per il mare tra…

Su e giù per le gobbe del Collio, parte sesta: Janko Štekar

Da Dobrovo a Kojsko, passando per il belissimo borgo fortificato di Šmartno (San Martino di Quisca), patrimonio culturale e storico della Slovenia, ci sono quasi sei chilometri di curve, saliscendi e meravigliose viste su boschi, alberi da frutto e vigneti. Una volta arrivati a Kojsko bisogna stare attenti a scovare la curva a gomito che…