Bodegas Toro Albala’ – Montilla Moriles – Don PX Gran Reserva 1985

Pedro Ximenez (100%) – 17%

Oggi, affrontiamo l’argomento “Vini Speciali”. Cosa sono i vini speciali? Sono vini ottenuti da uva, mosti o vini che hanno subito trattamenti durante o dopo la loro elaborazione e le cui caratteristiche provengono non solo dall’uva stessa ma anche dalla tecnica di elaborazione utilizzata e sono le mistelle, i vini liquorosi, gli spumanti e i vini aromatizzati. Fin dall’antichità c’era l’abitudine di aggiungere sostanze aromatizzanti, come resine ed erbe, basta pensare ai vini resinati della Grecia che tanto piacevano ai Romani, infatti i vini di questo tipo erano conosciuti come “Vini Greci”. Attualmente, i vini aromatizzati e liquorosi più conosciuti, provengono da Jerez, Madeira, Porto, Sicilia e dal sud della Francia.

Noi ci occupiamo di un vino fortificato (vino con l’aggiunta di alcol), fatto con uve Pedro Ximenez, di una delle regioni più vocate della Spagna, la Montilla Moriles, classificato come Sherry. Bodegas Toro Albalá, azienda simbolo della Spagna, produce questa Gran Reserva 1985. Ma per capire cosa si intende per “1985” bisogna spiegare cos’è il “metodo solera“, con cui è fatto questo vino.

Solera

Il Solera è un metodo di invecchiamento ossidativo utilizzato nella tradizione spagnola per invecchiare lo sherry e il brandy. Bisogna creare delle piramidi di 3, 4, 5 piani o ‘Crianzas‘ iniziando a riempire solo le botti più in alto; dopo un anno una parte del contenuto viene travasato nelle botti che si trovano al livello inferiore e quelle superiori vengono riempite con il nuovo vino, ed il procedimento si ripete di anno in anno; in tale maniera il vino che si trova nelle botti alla base (solera, che significa suolo), pronto per il consumo, risulta composto da uve di annate diverse e di anno in anno si arricchisce di particolari sapori. Quindi, 1985 non significa che il vino è del 1985 ma che la Solera è iniziata in quel anno.

Tornando al nostro vino, una volta versato nel bicchiere, possiamo osservare la sua straordinaria densità e il suo colore scurissimo che somiglia al colore del cioccolato fondente. Il suo bouquet olfattivo è molto complesso e intenso; cacao amaro, caffè, liquirizia, erbe aromatiche, tabacco, goudron, e una nota finale affumicata. Al palato è denso, ricco, con dolcezza e amarezza che si alternano e si integrano, un buon equilibrio gustativo e una persistenza infinita dalle note caramellate.