Amiata – Lapillo 2007

il

Sangiovese (70%), Cabernet (30%) – 13,5%

Vino portato in dote (e condiviso) dall’amico e sommelier Alessandro Zingoni. Questa azienda si trova nella provincia di Grosseto, ai piedi del monte Amiata, un antico vulcano spento. Proprio per questo i suoi vini hanno le caratteristiche dovute a questo tipo di terreno, cioè mineralità e una buona sapidità. “Lapillo” è il primo della gamma; la completano il “Lavico” e “Cenere”. Osservando Lapillo nel bicchiere, troviamo un vino limpido, dal colore rosso rubino acceso. Al naso frutta rossa e fiori (si sente distintamente la violetta) ma anche sentori di erbe aromatiche. In bocca entra morbido, con tannini abbastanza levigati, buona freschezza e, come dicevamo all’inizio, mineralità e sapidità, date dal terreno vulcanico. Fruttato e di facile beva, ha un retrogusto erbaceo, mediamente persistente.

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. az ha detto:

    Condivido. E ti suggerisco di sentire gli altri due che hai citato e poi mi dirai.

    Cin! Alessandro

    1. Vite di Vino ha detto:

      Penso che cercherò anche gli altri due, il Lapillo mi è piaciuto, quindi…

  2. az ha detto:

    E allora sei sulla buona strada ;))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...