Lunarossa – Quartara 2011

il

Fiano (100%) – 13%

Guarda, dice Haris (l’amico che ha offerto gentilmente la bottiglia), guarda che colore! In effetti, la lunga macerazione sulle bucce dona al vino un colore dorato molto caldo che ricorda il tramonto del sole. E’ particolare il Quartara e lo si capisce già dal nome; la quartara è un recipiente di terracotta di medie dimensioni usato per millenni dai contadini (principalmente in Sicilia) per conservare l’acqua e il vino. E’ lì dentro che fermenta l’uva e riposa -in parte- il vino sulle bucce, dopodiché continua il suo affinamento in botti di legno prima di essere imbottigliato. La complessità aromatica e la bontà di questo nettare è travolgente. Agli evidenti sentori di idrocarburi seguono quelli della frutta secca, in particolare nocciole, del miele e delle spezie dolci. Note balsamiche e di fiori di campo sono affiancati da quelle di frutta gialla matura, scorza candita di agrumi e da una mineralità che -guarda caso- ricorda l’argilla. Entra deciso in bocca e sorprende, non solo per la sua intensità ma anche per la sua morbidezza, la sua freschezza e la sua “salinità”. Lungo e persistente con un retrogusto piacevolmente amarognolo che provoca una intensa salivazione, tanto da farmi sembrare un cane di Pavlov. 🙂 Profondo.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Haris ha detto:

    Un vino fantastico bevuto con altre tanto fantastici amici 😀

    1. bellesserenaturale ha detto:

      Mi associo, ottimo vino e ottima compagnia. Grazie Haris 🙂
      Agnese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...