Redondèl – Dannato 2010

il

Teroldego (100%) – 13%

 

“Faccio vino perché amo la natura, ne rispetto i ritmi e i limiti e le sono grato per esser sempre così generosa nonostante tutto il rispetto che – mio malgrado – le facciamo mancare.
Faccio vino perché in cantina l’unica alchimia possibile è quella che le energie del cielo e della terra attuano, e nulla più.”

Paolo Zanini, Redondèl.


Poco più di tre ettari a Mezzolombardo, nel Campo Rotaliano; è la Cantina Redondèl di Paolo Zanini. Unico vitigno piantato è il Re della Piana, il Teroldego. Tre i vini prodotti, Assolto, Beatome e Dannato, il vino che andiamo a conoscere oggi. Affinato lungamente, prima in acciaio, poi in botti di rovere e castagno, infine per un anno in bottiglia, si presenta rosso scuro alla vista e generoso e intenso al naso, con sentori di frutta matura, (prugna, amarena e mora), fiori, (viola e rosa) e note balsamiche e speziate. Al palato è affilato e giustamente caldo, con tannini rotondi e un equilibrio che sfiora l’armonia. Dal “motore propulsivo”, instancabile e vitale, regala sorsi lunghi e succosi, difficili da dimenticare. Molto buono.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...