Marco Merli – Tristo 2014

Trebbiano (100%) – 12,5%

Seguo l’odore del pane appena sfornato


aroma del flauto magico

della mia immaginazione

Terre lontane

dove la natura
ti dà il buongiorno e lo riceve

Il rispetto antico dei nostri nonni
che si davano del Voi

Lo stesso che la natura ci rivolge
se debitamente riconosciuta

Non bestemmie
parole insulse
giudizi affrettati
sempre inappropriati

Luoghi comuni
che ti prendono l’anima
e non la restituiscono più

No

In queste terre
la natura e gli uomini
si danno del Voi

E parlano a bassa voce

In queste terre
i saggi raccontano

E io ascolto rapita

 

Agnese


Ecco cosa incontra la “Bocca di Rosa”; un vino che non viene bevuto per noia o per professione ma solo per passione, un vino che soddisfa le proprie voglie. Alla stazione successiva a quella di partenza, c’è scritto “Casa del Diavolo”, posto di perdizione dove s’incontra l’amor sacro e l’amor profano. Qui incontriamo Giano, il Dio bifronte, mentre guarda al passato e al futuro, mentre semina e raccoglie seguendo i cicli naturali. Ci porge il calice di comunione, il vaso sacro contenente il suo sangue; pesche e nespole, solvente, resina di pino e zafferano, fiori di campo ed erbe aromatiche, mandorle e miele. Elegante potenza, filante severità e passione bruciante; sono gli ingredienti di questo nettare che “alla stazione successiva” trova “molta più gente di quando partiva” perché

“una notizia un po’ originale
non ha bisogno di alcun giornale
come una freccia dall’arco scocca
vola veloce di bocca in bocca.”

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...