Perchè gli antichi Greci bevevano il vino annacquato?

Come è noto, la bevanda principale degli antichi Greci era il «θείος οίνος» (vino divino). Uomini, donne e bambini assaggiavano questa bevanda, e soprattutto i primi, chiacchieravano confrontandosi per ore e ore bevendo vino. I partecipanti delle bevute non perdevano di solito la chiarezza delle loro menti, perché il vino che si beveva era annacquato. Raramente, e per scopi molto specifici, gli antichi Greci bevevano «άκρατον οίνον» (vino puro).
La miscelazione del vino con l’acqua avveniva in grandi vasi a “bocche” larghe, conosciuti come crateri, e di solito il rapporto era di tre parti d’acqua e una di vino. Questa analogia suggerisce Esiodo, il poeta della campagna, ma non mancano testimonianze scritte che parlano di miscelazione con acqua in proporzioni maggiori. Era proprio questo predominio dell’acqua che impediva molte situazioni spiacevoli per i bevitori. Caratteristiche sono le parole che il poeta comico Alexis (4o – 3o sec aC) mette in bocca a Solone: ​​”Già dai carri vendono il vino annacquato, non certo per guadagnare qualcosa in più, ma per permettere agli acquirenti di avere la testa leggera dopo aver bevuto”.
L’acqua utilizzata per la diluizione del vino proveniva da «σκιαράν παγάν» (fonte), da «κρήνην αέναον και απόρρυτον» (fontana corrente incontaminata) o da «ψυχρόν φρέαρ» (pozzo naturale freddo). Così insieme alla miscelazione del vino riuscivano al contemporaneo raffreddamento. Diffusa era la pratica di utilizzare l’acqua sciolta della neve, che, come è noto, conservavano anche in estate per poi commercializzarla. Tuttavia avevano inventato anche altri modi per raffredare il vino. Intorno alla metà del 6 ° secolo. aC hanno messo a punto un contenitore appositamente costruito per consentire il raffreddamento del vino e mantenerlo freddo mentre era conservato nelle anfore e prima di passarlo ai crateri. Più specificamente hanno costruito un particolare tipo di anfora dalle pareti doppie. Riempivano lo spazio tra le due pareti con acqua ghiacciata o neve con l’aiuto di un beccuccio. Questi contenitori sono noti agli archeologi come anfore – refrigeratori, prodotte nella seconda metà del 6 ° secolo. aC ad Atene, ma anche in un’altra parte del mondo greco antico, probabilmente a Reggio della Magna Grecia, in Italia meridionale. Altri contenitori simili che raggiungono il raffreddamento del vino sono stati riscontrati sporadicamente in altri vasi greci antichi, come ad esempio le oenochoe. Durante la seconda metà del 6 ° secolo. a.C. ceramisti ateniesi hanno trovato un altro modo di raffreddare il vino per meglio servire le esigenze di chi partecipava ai simposi. Il primo, appena descritto, richiedeva il rapido consumo del vino dopo che era passato dall’anfora-raffredatore al cratere. Ma se il consumo era lento, il vino all’interno del cratere perdeva la sua freschezza, quindi c’era la necessità di inventare un altro modo per garantire il raffreddamento permanente del vino. Cioè, quando si riempivano col vino i bicchieri dei festaioli antichi, conosciuti soprattutto come Kylix (calici), dovevano essere ancora freddi o perlomeno freschi. E’ stato ideato quindi, un vaso a forma di fungo, che, una volta riempito con il vino,veniva messo all’interno del cratere, che era stato precedentemente riempito con acqua fredda o neve. Un modo di raffreddare il vino che ricorda quello di oggi, quando una bottiglia viene messa in un recipiente contenente ghiaccio. Il vino veniva attinto utilizzando un mestolo lungo detto Kyathos o Arytena.    E ‘molto probabile che il raffreddamento del vino e il su annacquamento veniva fatto al momento, direttamente dentro i bicchieri di vino con acqua fredda, portata in una brocca detta Oenochoe. Così, avveniva la miscelazione del vino, e simultaneamente un migliore raffreddamento. La modalità di raffreddamento appena descritta è stata in uso per circa 80 anni, e più precisamente dal 530 al 460/50 aC. Certamente i crateri – raffreddatori non sembrano essere stati particolarmente comuni nell’antichità. Sporadicamente si trovano in altre epoche, come uno trovato nella Tirinto Micenea e risale al 13 ° secolo aC. La rarità deve essere dovuta al fatto che gli antichi preferivano il vino rosso che non richiedeva raffreddamento, ma soprattutto perché, come già osservato in precedenza, l’acqua che diluiva il vino facevano in modo che fosse “congelata” e non servisse alcuna cura per l’ulteriore raffreddamento di questa bevanda divina.

Scritto da Michalis A. Tiberios, professore di Archeologia classica dell’università “Aristotelion” di Salonicco.

Tradotto in Italiano da Ioannis Argiris.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.