Sonetto al vino – Jorge Luis Borges

il

jorge-luis-borges

In quale regno, in quale secolo, sotto che silenziosa
congiunzione d’astri, in che giorno segreto
che il marmo non ha salvato, sorse la valente
e singolare idea di inventare l’allegria?

Con autunni dorati la inventarono. Il vino
fluisce rosso attraverso le generazioni
come il fiume del tempo e nell’arduo cammino
ci prodiga la sua musica, il suo fuoco, i suoi leoni.

Nella notte del giubilo o nella giornata avversa
esalta l’allegria o mitiga lo spavento
e il nuovo ditirambo che in questo giorno gli canto

lo cantarono un tempo il persiano e l’arabo.
Vino, mostrami l’arte di vedere la mia stessa storia
come se questa fosse già cenere nella memoria.

 

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. lericettedibaccos ha detto:

    pochi versi che esprimono il valore del vino

    1. Vite di Vino ha detto:

      Vero. Mi colpiscono particolarmente i seguenti versi:
      “Vino, mostrami l’arte di vedere la mia stessa storia
      come se questa fosse già cenere nella memoria.”

      1. lericettedibaccos ha detto:

        hai ragione, sono versi molto profondi.

  2. 65luna ha detto:

    Giusta Ode Al Vino, Bella Scelta! Buona Giornata,65Luna

    1. Vite di Vino ha detto:

      Buona giornata Luna.

  3. rpapac ha detto:

    Belle parole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...