Luigi Tecce – Satyricon 2009

il

Aglianico (100%) – 14%

“Ahimè, grida, più a lungo vive il vino che un omuncolo. È bene che noi badiamo a titillarci la gola, ché la vita si spiega tutta nel vino.” (Petronio – Satyricon, cap. XXXIV; 1982, p. 57).

La vita si spiega tutta nel vino di Luigi Tecce, che ci mette la faccia, una faccia pulita, senza lieviti selezionati, enzimi, batteri malolattici, tannini aggiunti, disacida, chiarifica, filtrazione, gomma arabica..e crea un vino capolavoro. Si presenta con un colore rosso rubino scuro e leggermente velato. I sentori fruttati sono esuberanti, ciliegie, mirtilli, prugne e more. Leggere note floreali di viola e lavanda arricchiscono il bouquet. Seguono spezie dolci, tabacco e goudron. Al palato i tannini sono decisi ma non aggressivi, buona l’acidità e la struttura con l’alcol ben integrato. Sorso affascinante, rotondo, leggermente balsamico, lungo e godereccio. Vino-poesia che finisce in fretta…

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. 65luna ha detto:

    Vino-Poesia: Bellissimo Binomio! Abbraccio,65Luna

    1. Vite di Vino ha detto:

      Un caro saluto a te, Luna. Buona giornata.

  2. Haris ha detto:

    Il 2011 che ho aperto ieri, per i miei gusti non è ancora pronto. Tannini agressivi finale amarognolo, buon vino si, ma ci vuole minimo 1-2 anni ancora.

    P.S. I migliori auguri per un Natale Felice 🙂
    Harris

    1. Vite di Vino ha detto:

      Tanti auguri per un sereno Natale e un felice anno nuovo anche da parte mia, e buone bevute! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...