Podere Pradarolo – Vej Brut 2014

Malvasia di Candia Aromatica (100%) – 11%

Buccia matura, involucro di polpa succulenta e sacra essenza macerata. Nove mesi di gestazione per dare alla luce un nettare unico, nutrimento divino per mortali che “hanno visto la luce”. Rosa inglese, albicocca candita e pesca, uvetta e zenzero, calcare e argilla, prima “pungono” il naso e successivamente il palato, con spilli tannici e virate decise, flussi impetuosi su montagne russe immaginarie. A fine corsa, ancora stravolti, godiamo delle emozioni appena vissute avendo in mente un nitido ricordo di tutto il percorso. Un altro giro?

Arunda – Phineas 2004

Assyrtiko, Chardonnay, Pinot Bianco – 13,5%

Un’altro progetto fantasmagorico, quasi impossibile, di Phineas alias Rainer Zierock. Se la ride da lassù il Professore con il polverone alzato, con il mistero che avvolge la sua opera, con l’azzardo Assyrtiko in Alto Adige, con lo scontro fra estimatori e denigratori. Ma il succo è un’altro e si trova nel mio calice; oro ramato colato, magistralmente ossidato, rigato da dense lacrime di resina e mandorle stese al sole a seccare. Cedro candito e fichi maturi, pesche e albicocche macerate in alcol e miele, e scintille di Alleluia! Fitte acide assyrticose, dotate di sale iodato, lacerano un tessuto setoso, ricoperto da uno spesso strato di bollicine finissime. Mi rimane un ricordo unico e un retrogusto leggermente amarognolo lunghissimo.

Casa Caterina – Rosé Antique Brut 2005

Pinot Meunier (100%) – 12,5%

I suoi profumi mi ricordano il buccellato lucchese, dolce legato alla festività dell’Esaltazione della Santa Croce. Qui invece parliamo dei sentori legati all’esaltazione di Casa Caterina; l’uvetta, i semi di anice, lo zucchero cotto, il pane lievitato, arricchiti dalle fragoline di bosco e da sottili sfumature speziate e minerali. Vino molto raffinato per palati attenti, sfoggia una sottile e ricca carbonica, una vivace acidità, un sorso elegantemente sapido e amarognolo che ci tiene in ostaggio fino all’ultimo calice. Pregevole.

Ciro Picariello – Brut Contadino 2012

Fiano d’Avellino (100%) – 12%

I profumi del Fiano in una fine bolla dorata. Immediato e ricco al naso, esprime sentori di agrumi e pesca gialla, di nocciole e mandorle, di pane appena sfornato e della finissima mineralità gessosa del territorio irpino. Saporito e vivace al palato, dalla freschezza pronunciata e dalla “carezza setosa”, sorprende positivamente e piacevolmente. Sboccato e rifermentato naturalmente in bottiglia.

 

Perseval-Farge – Champagne C. de Chardonnay – Brut Premier Cru

Chardonnay (100%) – 13%

Viene applicata la Lotta Integrata nei quattro ettari di vigneti di Perseval-Farge, sulla Montagna di Reims. Le uve di Chardonnay provengono dai vari vigneti dell’azienda per comporre la nostra Cuvée, “arricchita e rinfrescata” sapientemente da vini di riserva di annate precedenti. Nel calice manifesta la sua eleganza con bollicine fini e numerose, seguite da sentori freschi di mela e buccia d’agrumi, fiori bianchi e mandorle. Delicate note minerali e di piccola pasticceria completano un bouquet equilibrato e fine. La mineralità si esalta in bocca, in un sorso fresco e setoso, equilibrato e lungo. Aperitivo vincente.