Vini di Vignaioli – 2 Novembre 2014 – Fornovo di Taro (PR)

il

Importante evento dedicato ai vini naturali quello di Fornovo di Taro. Produttori artigianali dall’Italia, Francia e Slovenia si sono dati appuntamento nel piccolo comune della provincia di Parma in quella che è la 13a edizione della Kermesse Vins de Vignerons.

Tra i presenti anche Emmanuel Giboulot, il viticoltore che rischia il carcere e 30000 euro di multa per aver rifiutato di trattare preventivamente (e obbligatoriamente) con pesticidi la propria produzione perché lo riteneva inutile. Dovrà apparire tra qualche giorno (il 5 novembre 2014) alla Corte d’Appello di Digione. Questo fatto rimarca i differenti punti di vista fra viticoltura convenzionale e biodinamica. Ho provato alcuni dei suoi bianchi, il Terres Burgondes, un Pinot Beurot (il pinot grigio come viene chiamato in Borgogna); esprime freschezza e rotondità, ricchezza e succosità.Poi, due espressioni di Chardonnay, La Grande Chatelaine, un vino piacevolmente fruttato e floreale e il Combe d’Eve, complesso e dall’acidità penetrante. I vini alsaziani in anfora (e non solo) di Bannwarth, deliziosi e di gran carattere, come il suo Riesling Kvevri, freschissimo e aromatico, complesso ed energico. E poi gli sloveni, con i vini di Branko Cotar, futtati e vegetali, vivi e seducenti, come la sua Vitovska e la sua Malvazija; i vini di Aleks Klinec con uno straordinario Ortodox, un assemblaggio di  Verduzzo, Jakot, Rebula e Malvasia (ne parleremo in sede separata di questa meraviglia); i vini profondi di Stekar tra cui un Pinot Draga (grigio) molto espressivo. Per rimanere in zona, ci sono poi “i giganti del Collio Friulano”, Radikon, Princic e Terpin che non hanno bisogno di presentazioni.

Tra i tanti viticoltori Italiani spicca la Cascina Tavijn con il suo Ruchè di Castagnole Monferrato, floreale e speziato, puro e schietto. Poi, la Cantina Giardino con il suo “Sophia”, un Fiano d’Avellino macerato e fermentato in anfora davvero unico, vino del quale parleremo più dettagliatamente prossimamente. De “Il Paradiso di Manfredi”, un giovanissimo Brunello di Montalcino 2008 promette fuochi d’artificio se lo si sa aspettare; da uno spiraglio possiamo “scrutare” il Paradiso e sentire i suoi profumi di sottobosco e cioccolato. Rimanendo in Toscana non posso dimenticare l’amico Stefano Amerighi che produce una Syrah “coi fiocchi” e il lucchese Beppe Ferrua con la sua Fabbrica di san Martino (in Vignale) e i suoi vini materici. Dall’Emilia-Romagna troviamo l’ottima Ca’ de Noci con i suoi vini espressivi, come la “Notte di Luna” (qui il mio assaggio del 2012). E come non parlare di Eugenio Rosi, artigiano vignaiolo trentino con il suo cabernet Franc 10undici12, un blend di tre annate diverse, vino incredibilmente espressivo. Scendendo giù per lo stivale arriviamo in Calabria dove incontriamo l’uva locale Gaglioppo sulle colline di Cirò nella versione che ci offre “‘A Vita”, una Riserva di grande concentrazione, vino esuberante e nello stesso momento nobile. Concludiamo il tour italiano arrivando in Sicilia, per la precisione nell’isola di Lipari. La Tenuta di Castellaro propone due espressioni del territorio davvero importanti, il bianco “Pomice”, a base di Malvasia delle Lipari e Carricante, un vino marcatamente floreale e fruttato ma anche minerale, davvero equilibrato, e il “Nero Ossidiana”, fatto con uve Nero di Corinto e Nero d’Avola, deciso e strutturato, dalla marcata mineralità.

20141102_164341

Potrei continuare a lungo con i bravissimi produttori e le loro fatiche ma non voglio stancarvi e farvi passare la voglia per questa bevanda divina, quindi concludo il mio intervento su questo riuscitissimo evento con un giovane vignaiolo francese, Julien Peyras. Il duro lavoro, il rispetto per i tempi della natura e per il terroir si rispecchiano nei suoi vini, puri, diretti, “puliti”. Il Languedoc nel vostro calice.

Siamo ai saluti con una panoramica della giornata:

http://www.magisto.com/embed/bFlCY14JRy4oXxlgCzE?l=vem&o=w&c=b

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. 65luna ha detto:

    Bellissimo articolo! Abbraccio,65Luna

    1. Vite di Vino ha detto:

      Ciao Luna. Grazie e buona serata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...