Robola

il

88

“La Signora dello Ionio” per i Greci, “Vino di Sasso” per i Veneziani, che la importarono intorno al 1300. E’ la Robola (detta anche Kèrino), una delle varietà più nobili della Grecia e -probabilmente- antenata della Ribolla Gialla.
Viene coltivata nelle zone montagnose all’interno dell’isola di Cefalonia (ma anche Zante e Preveza), perlopiù intorno al monastero di San Gerasimo. Predilige terreni poveri, ghiaiosi, calcarei. Matura poco dopo la metà di agosto fino a metà settembre. Ha una resa bassissima ma anche un’altissima qualità, infatti la sua uva è la più costosa della Grecia.
Gli acini sono di un colore biondiccio, sono perfettamente tondi e hanno la buccia sottile.
La Robola cresce tra i sassi, motivo per cui i Veneziani la chiamarono “Vino di Sasso”. Dà vini di alto grado alcolico, di buona acidità e dai profumi fini e particolari.

4 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...